in Montagna...
torna alla Home Page...
- Tra due laghi - Vergante, Valle dell'Agogna, Mottarone, e dintorni...

   Colazza - Sass del Pizz - Giogo del Cornaggia - Alpe Canà - Agogna
Alpe di Marta - Alpe Taiè - Il Termine - Alpe Volpe - Alpe Calandro
Mottarone - Monte Falò - Alpe Torona - Costabella - Colazza.

 

 

 
 Uno dei percorsi più lunghi per raggiungere la cima del Mottarone; giro molto panoramico su stradine e sentieri, con solo brevi tratti su strade asfaltate, fattibile anche in presenza di neve.

 


 Da Colazza si segue il percorso F1 che dalla località La Rana porta al lavatoio di Fosseno, qui si sale seguendo i percorsi F6/F5 verso il Sass del Pizz 763 m. e poi si va al Giogo del Cornaggia 823 m. crocevia di sentieri.


 Dal Giogo si segue il percorso "V" della dorsale del Vergante che traversa il versante nord-ovest del Monte Cornaggia e poi scende fino a raggiungere la stradina che sale da Pian del Gatto nella Valle dell'Agogna, qui si segue la stradina asfaltata verso destra fino alla Cappella dell'Alpe Canà, altro crocevia di sentieri.

 Alla Cappella si segue il percorso H2 che continua sulla dorsale panoramica, a un bivio attualmente non segnalato si prosegue diritti (a destra il percorso della dorsale verso Gignese), la stradina poi gira intorno al Monte Scincina e scende sulla strada provinciale Armeno - Gignese.

Si traversa la provinciale e si imbocca la sterrata di fronte che passa vicino alle case e poi traversa a sinistra incrociando il metanodotto, si sale superando una prima sbarra, poi sulla destra dopo una seconda sbarra di colore blu (a sinistra scende il sentiero R6), si sale la stradina di fianco al metanodotto che raggiunge il percorso segnalato che sale da Gignese (questo tratto è riportato sulla cartina come percorso R6, ma in loco non si trovano segnalazioni).

 Si sale passando dall'Alpe Pirio e poi dall'Alpe di Marta 920 m. con la caratteristica Cappella "incorporata" nella baita; si continua nel bosco passando dall'Alpe Taiè 968 m. dove è ancora presente un affresco sul muro pericolante, e si giunge alla località chiamata Il Termine 1002 m. qui sulla destra sale un sentierino segnalato che passando prima sui prati, poi traversa sulla destra raggiungendo l'Alpe della Volpe 1110 m.

 Dall'Alpe Volpe la stradina traversa sul fianco della montagna verso destra e sale all'Alpe Calandro vicino alla strada asfaltata che arriva dall'Alpino, si segue per un tratto la strada fino alla Fonte Federica, qui sale nella pineta un sentierino ripido che sbuca sulla strada vicino alla cima del Mottarone 1491 m.


 In questa occasione, per il ritorno ho seguito la strada che sale da Armeno (sentieri e scorciatoie sui fianchi della strada), fino al bivio segnalato sulla sinistra, dove scendono i percorsi verso Gignese e Coiromonte, si segue la stradina per Coiromonte (alla seconda area di pic nic scende sulla sinistra il percorso per l'Alpe Nuovo e Gignese), al successivo bivio si prende la stradina sulla sinistra (cartello per l'Alpe Fey), e passando da Fey e Torona si scende sulla provinciale vicino al ponte sull'Agogna (vedi anche la pagina del giro del Monte Falò).

 Si segue per un tratto la strada asfaltata in direzione di Gignese e poi si trova sulla destra (cartello), l'inizio del sentiero H3 che ritorna verso la Cappella dell'Alpe Canà; si passa vicino all'Alpe Agogna, nel primo tratto la vegetazione invadente può rendere disagevole il percorso (preferibile percorrerlo in inverno - inizio primavera), poi si sale lungo un bel sentiero fiancheggiato da numerose piante di castagno, si passa vicino all'Alpe Canà 734 m. e si torna alla Cappella.

 Dalla Cappella si segue il percorso H2 della Costabella (che permette di evitare il maggior dislivello del percorso seguito all'andata), si passa dall'Alpe Airola 675 m. in seguito si arriva ad Ostobbio e poi si torna al lavatoio di Fosseno e a Colazza per il percorso seguito all'andata (vedi anche la pagina del giro al San Salvatore).

 [Naturalmente il giro può essere "accorciato" arrivando in auto al lavatoio di Fosseno, oppure anche partendo da Gignese... da Gignese al Mottarone circa tre ore]

 Tempo per questo giro :

 Da Colazza al Mottarone, circa 4 ore e mezza. Per il giro completo descritto, circa 9 ore. Difficoltà E

 Mappa della zona : (pubblicata con autorizzazione del Distretto Turistico dei Laghi)
Al Mottarone da Colazza...
vai alle immagini →  


Cerca nel sito :
Loading

in Valgrande...  ← in Valgrande Foto © www.in-montagna.it (e-mail)