in Montagna...

Pizzo Castello per sentieri "alternativi"...

torna alla Home Page...
in Montagna in Ossola...

   Pizzo Castello

1607 m. da Piedimulera.

 Piedimulera - Cimamulera - San Giuseppe - Cà dul Sec - Busun - Ceresola - Alpe Piana - Alpe Castello - Pizzo Castello - A. Castello - A. Piana - Propiano - Ceresola - Sarcera - Cascinaccia - Case Girardi-Lana - Cà d'Arnal - Piedimulera.

   Difficoltà E/EE
 

 

 Ritorno (dopo quasi 4 anni, vedi questa pagina), sulla cima del Pizzo Castello (il giro in programma, in verità non prevedeva di raggiungere la sommità, ma vista la giornata limpida e dal clima gradevole, valeva la pena salire su questo notevole punto panoramico...).

 Il percorso seguito (da Piedimulera), utilizza per alcuni tratti dei sentieri "alternativi" alla usuale via di salita lungo il versante sud; di ritorno a Cimamulera, vale sempre la pena di compiere una breve deviazione per Pairazzi e il dosso della Cappella della Pace, in questa occasione ne è valsa la pena soprattutto per il fatto che abbiamo incontrato alcuni gentili signori del luogo a cui si poteva chiedere informazioni sui sentieri e gli alpeggi della zona.

 In particolare l'incontro con Gianfranco Pairazzi (classe 1930), vera e propria "memoria storica" del luogo, che ci ha accompagnati fino alla Cappella raccontando eventi di un lontano passato, e chiarendo i dubbi e gli interrogativi riguardo gli alpeggi visitati durante le precedenti escursioni.

 Ed è sempre molto gratificante incontrare queste persone che sono depositarie di questa conoscenza della "piccola" storia locale, che spesso non risulta scritta da alcuna parte, e per questo rischia, col passare del tempo, di perdersi definitivamente...

 In particolare, personalmente ritengo che sia importante riuscire a "recuperare" i corretti toponimi dei luoghi visitati, e quelli giusti sono appunto quelli usati ancora oggi dalla gente del posto, solitamente toponimi dialettali che non sono mai stato "tradotti" in italiano (e questo forse è un bene, perchè spesso la traduzione snatura completamente il senso del termine...).

 

 Con Andrea partiamo da Piedimulera seguendo il classico percorso della Stra Granda della Valle Anzasca che porta a Cimamulera (per questo primo breve tratto, vedi anche questa pagina); da Cimamulera 492 m. ci portiamo alla borgata San Giuseppe dove, salendo tra le case e poggiando sulla destra, si entra in una sorta di "canale" [foto 10] dove si trovano i primi segni di vernice rossa che indicheranno il successivo percorso.

Link alla cartina ↓

 Si sale alle due costruzioni isolate sopra San Giuseppe e poi il sentiero conduce alla prima baita di Cà dul Sec, vicino si trova la seconda baita a ca. 680 m. dove eravamo passati in un giro precedente (link); guardando il versante boscoso soprastante, si notano dei ruderi, si tratta del Busun, qui una baita era stata costruita al riparo sotto la parete rocciosa.

 Ritornati al sentiero (che verso est traversa a Crùtèia). lo si segue in salita verso ovest arrivando all'incrocio di percorsi segnalato da un grosso masso [foto 18] (qui traversa il sentiero per Crovalino), in questa occasione si ignora il sentiero trasversale più evidente e si sale il versante lungo una lieve traccia seguendo i segni di vernice che portano alla panoramica Alpe Ceresola 953 m.

 A Ceresola notiamo sopra le baite, un invitante sentiero non segnalato, che seguiamo salendo prima direttamente il versante e poi la traccia (che segue in parte il percorso di un tubo per l'acqua, in pratica il sentiero è utilizzato principalmente per la manutenzione di questo piccolo acquedotto), e traversa sul versante della valle dove scorre il Rio Meggiana (bella vista verso il poggio dell'Alpe Camugher), si incontra un tratto su roccette che richiede attenzione in caso di presenza di ghiaccio, e poi si sale alle sorgenti poste sotto alla dorsale di Propiano.

 Qui il versante è ricoperti di felci, e per questa ragione questo sentiero è consigliabile in inverno-primavera, prima della ripresa vegetativa; salendo la traccia si perde, ma in breve si raggiunge il sentiero "ufficiale" che porta all'Alpe Piana 1245 m. il percorso prosegue lungo la dorsale che porta alla panoramica Alpe Castello 1320 m. si prosegue sulla neve lungo la panoramica dorsale con belle vedute sulle montagne della Valle Anzasca, e non solo...

 E si giunge sulla cima del Pizzo Castello 1607 m.

 La discesa segue il percorso della via usuale che, a valle di Ceresola, passa dall'Alpe Sarcera e dalle baite allineate di Cascinaccia, scendendo dopo la Cappella dul Travain a un bivio, si seguono le indicazione per Case Girardi-Lana, una delle "borgate" di Cimamulera la cui denominazione deriva dal cognome delle famiglie che in originariamente si sono qui insediate.

 Dalla Chiesa Parrocchiale di S. Antonio Abate di Cimamulera ci portiamo verso Pairazzi (o Pairazzo, come riportato da alcune fonti), e la Cappella della Pace accompagnati da Gianfranco (il cui cognome, come accennato sopra, è lo stesso della borgata...); dopo una istruttiva sosta presso la Cappella della Pace e l'Obelisco di Castigiasco (vedi anche, per maggiori informazioni, questa pagina), scendiamo passando da Cà d'Arnal; il percorso usuale segnalato da cartelli, scende poco dopo il primo tratto della mulattiera che ritorna a Piedimulera, di fronte al bivio per Pairazzi, in questa occasione seguiamo invece una "scorciatoia" poco prima della Cappella della Pace che scende nel bosco sottostante superando i terrazzamenti lungo le relative scalette.

 Si giunge così a Cà d'Arnal, gruppo di baite abbandonate seminascoste nel bosco, nucleo caratterizzato dagli imponenti architravi in sasso, dove si respira una atmosfera di abbandono... che è avvenuto in tempi non molto lontani; sotto le baite ormai assediate dal bosco, si traversa verso destra (sud) fino alla Cappella di S. Anna dove si trova la vecchia mulattiera che riporta a Piedimulera.


 Tempo per questo giro, circa 8 ore incluse soste e divagazioni (per la salita al Pizzo Castello, circa 4 ore).

   Febbraio 2018

 

vai alle immagini →  










Cerca nel sito :
Loading

in Valgrande...  ← in Valgrande Foto © www.in-montagna.it (e-mail)


   Valle Anzasca :

   (destra orografica)


   Valle Anzasca :

   (sinistra orografica)