in Montagna...

Costa di Agrello...

torna alla Home Page...
in Montagna in Ossola...

   I boschi della Costa di Agrello...

(Val Bognanco)

 Da Monteossolano (Domodossola).
 

 

 Una (relativamente lunga) escursione che presenta diversi interessanti aspetti, dai villaggi e le baite vicine al fondovalle del tratto iniziale della Val Bognanco, con le numerose Chiese e Cappelle, i panorami che si possono ammirare giunti alle quote più elevate, ma in particolare è stato molto interessante traversare i boschi della Costa di Agrello... si passa dalle roverelle ai larici, poi dalle faggete alle pinete, e ancora ai larici...


 Da Domodossola-Mocogna si sale in auto a Monteossolano (parcheggio poco prime delle case; qui ci si può arrivare anche a piedi, un sentiero segnalato sale da Mocogna...


 Dalla Chiesa di Monteossolano si traversa in piano entrando nella valle, giunti all'Oratorio dedicato a S. Rocco, la mulattiera scende a traversare sul ponte il torrente Dagliano, sale sul versante opposto e dopo una Cappella, a un bivio (cartelli), si segue il sentiero sulla destra che sale portandosi sulla dorsale dove si trova un fitto boschetto di roverelle; proseguendo si arriva alla zona dell'Alpe Agrello 1032 m. con le sue numerose baite ormai abbandonate, in bella posizione panoramica.

 Si sale sopra le baite tra le ginestre dove il sentiero a tratti scompare, ma più in alto, all'inizio del bosco lo si ritrova (cartello indicatore); si continua la salita e si entra in un bosco di larici molto bello, uno dei più estesi visti fin ad ora... più in alto la costa diventa meno ripida e si passa dalle faggete alle pinete incontrando alcuni ruderi di baite lungo il percorso.


 Giunti su un ultimo dosso, si scende per un breve tratto portandosi in una radura a circa 1603 m. (alcuni ruderi), per poi salire i prati che in breve portano all'Alpe Lavazzori 1663 m. (fin qui, circa 3 ore), qui il panorama si allarga sulle montagne della Val Bognanco e le cime della Valgrande... dalle baite superiori si sale entrando nel lariceto, in questa occasione si è seguito un sentiero non segnalato che prima traversa a mezzacosta sulla destra passando dalla sorgente dell'Alpe, e più avanti sale ripido sulla sinistra uscendo sui prati sottostanti l'Alpe Dorca 1874 m. il punto più elevato di questo giro.

L'alpe è ancora frequentata, notevole la vista verso le montagne circostanti, verso nord-est si vede la cresta Monte Rondo - Loccia dei Balmetti - Cima Lariè; verso sud-ovest la zona del Pizzo Montalto e verso nord-ovest la conca che porta al Passo di Monscera.


 Dall'Alpe Dorca passa il percorso della GTA che si segue per un tratto verso sud-ovest tra i larici dove si nota una zona probabilmente interessata in passato da un incendio, scendendo all'Alpe Casariola, con le baite protette a monte dai caratteristici paravalanghe; si traversa un rio dove scende l'acqua dai sovrastanti laghi del Paione, e dopo un ultimo traverso nel bosco si esce sulla stradina asfaltata che in breve porta all'Oratorio di San Bernardo, punto di partenza verso le frequentate zone del Passo di Monscera e Gattascosa.


 Da San Bernardo si ritorna verso valle seguendo all'inizio la stradina asfaltata e poi a un tornante si scende direttamente nel bosco; si incontrano alcune baite ristrutturate e si arriva ai prati di Vercengio 1270 m. in seguito si passa per un tratto vicino alla condotta forzata dell'acqua e si continua incontrando altre baite e Cappelle; questo percorso è segnalato da cartelli, ma il sentiero a tratti sembra scomparire... è evidentemente molto poco frequentato dagli escursionisti, che solitamente salgono lungo la strada asfaltata per San Bernardo per recarsi negli usuali luoghi affollati, trascurando queste zone...


 Continuando la discesa si arriva alla bella Chiesa di S. Giuseppe a Mulera da dove si prosegue verso Valpiana, qui si ritorna verso valle passando da Cà Monsignore 714 m. infine si completa l'anello di questo bel percorso giungendo al bivio poco prima di ridiscendere al ponte sul Rio Dagliano e ritornare a Monteossolano.


 Tempo per il giro descritto, circa 8 ore. Difficoltà E/EE


 

vai alle immagini →  















 Cerca nel sito www.in-montagna.it :

in Valgrande...  ← in Valgrande Foto © www.in-montagna.it (e-mail)


   Val Bognanco :